From Bello to biutiful: what’s going on with the Italian Language? | Annamaria Testa | TEDxMilano

From Bello to biutiful: what’s going on with the Italian Language? | Annamaria Testa | TEDxMilano


Reviewer: Elena Montrasio Words are important. They connect us, they shape our mind. The words of our language
are extraordinary, they are musical, evocative, rich,
full of history, vibrations, emotion, they are resounding, evocative,
they reverberate with our history. About the beauty of our language, and about the fact that such beauty
is to be defended, preserved, perceived, anew, I will tell you about. I will talk to you about
the rising tide of “Italenglish”, the provincial, unjustified,
often unclear mixture of Italian and English words, which, in the past few years,
has become quite common. But I will take a wide approach, and will start by showing
you some Latin mottos. The greatest universities in the world
bear Latin mottos on their emblems, and they show them with great pride. Here we have Australia, and Hong Kong, with a Latin motto, and Ghana, Corea, Russia, Sweden, and the United Kingdom
with London’s King’s College, and Oxford, and Chicago, in the United States. Harvard says “Veritas” on its emblem. It’s not just universities taking pride
in expressing themselves in Latin, the city of London bears a Latin motto. Paris has a Latin motto,
Canada has a Latin motto, Queensland, Australia,
has a Latin motto. Not only that: The U.S. Navy says:
“Semper Fidelis”, you certainly heard it
in a thousand movies! The British Navy speaks Latin,
and even NASA, an institution far from being a past aficionado,
lends a Latin motto to Apollo missions. Why am I going on and on with Latin?
And why Latin mottos? Because if there’s one place in the world
where a Latin motto could make sense, it’s this one. Here.
The crib of Latin. But no! Have you seen
the recent touristic brand for Rome, approved and promoted
by the City of Rome? It’s this. We don’t even know how to pronounce it,
“Rome, me and you?” “Rome and you?” What is this second-rate wink? What is this contamination,
this short-circuit between two languages, which deprives both of any meaning? What are those five balls up there? (Laughter) (Applause) One has to wonder, “But, why?” Why, when we look at all the touristic
brands of all the cities in the world, no one senselessly mangles
its own name for self-promotion. Nowhere.
Only in Rome. Talking of mangling, let’s take
a look at the touristic portal… (Applause) just launched by the
Ministry of Cultural Heritage “VeryBello”? What? (Laughter) Not “MoltoBello” or “VeryBeautiful”. Let’s make Italian and English
collapse senselessly! We don’t like that,
the Anglophones don’t like that either. That’s the curious thing. “Du ui still spik italian?” Do we still speak Italian? We’re talking about Italian. The most romantic language
in the world, speaking of “Rome & You”. The most romantic language in the world,
according to 320 Anglo-Saxon linguists. The fourth most studied
language in the world, and nobody studies Italian
for business! They study it because they love it!
For the cuisine, the fashion, the Opera, the art, the history, for Dante! That’s why they’re studying it. We’re talking about
the language of angels said Thomas Mann. And yet, for example,
pizza has conquered the world, and its name is still “pizza”. Here you can see pizza restaurants
in the US compared with restaurants selling hamburgers
or hot-dogs: pizza wins. If the whole world eats, and says pizza,
why do we in Italy drink “wine”? Look! We eat “food” and drink “wine”
in Lucca, Cernobbio, Catania, Milan. And that’s funny, because in New York,
when they promote the “Italian wine week”, they say “vino”.
Because the restaurants in New York, those fancy restaurants selling
food and wine, call it “vino”! Let’s talk about another Italian
excellence. Let’s leave the food behind and talk about fashion. Here’s what our
most important fashion magazine writes: “Il look curvy-friendly più glam”
(The most glam, curvy-friendly look) “direttamente dalle passerelle
(straight from) della fall-winter”
fall-winter catwalks) Okay, we get that the seasons
are no longer what they used to be, but tell me why I should call
a well-shaped woman “curvy” – like it’s a mountain trail
up in the Grand Canyon – instead of “formosa” (shapely),
just like our shapely Venuses, and like the women we see
in our Renaissance portraits. Why? Curvy?!
Shame on you, I’m not curvy! Let’s talk about “pubblicità”,
or “advertàising” This is a Renault ad in Spain,
and the language is Spanish. This is the same Renault ad in France,
and the language is French. This is the same page in Italy,
and the language is English. There are only two words in Italian:
“il primo” (the first). (Laughter) (Applause) What’s happening to us if even
the Sindacato (Union) says: “Let’s go back to our roots and call ourselves Unions”;
Landini [Italian Union leader] said so. Unions? The roots of the Italian Sindacato?
Are we sure about that? That’s funny because more than half
Italians doesn’t speak a word of English. In 2012 it was 60%,
today it’s about 58%. We don’t know English as a Country,
and you can see that! “Pey Smecker”
(Pace maker) (Laughter) Let’s hope that the medical
competences of the woman who filled out this form are stronger
than her linguistic skills. Yet, every day, either out of laziness,
distraction, conformism, because it sounds modern,
because we are provincial, we make use of a lot
of unnecessary English words, not deeply rooted in our own language,
plainly secondary and pointless. We say “call” instead of “telefonata”,
we say “location” instead of “posto”. I heard: “Nazareno is the location
Renzi chose for the meetings”. The headquarters
of a political Party are a location?! We say “competitors” and “compilation”,
“customer care” and “day by day”. How can an office say: “Dobbiamo
schedulare una conference call per il fine tuning della customer
satisfaction con la business unit”? When it would suffice to say,
“Let’s call Pippo, Franco, Gennaro to fix the matter”.
Because you know that the business unit is always Pippo, Franco and Gennaro. (Laughter and Applause) Italenglish is now spoken not only
by companies, also by the media, public administrations, the government.
We have a State law named “Jobs Act”, and let me assure you, its name,
Jobs Act, didn’t make it any nicer. In fact, it forced TV spokesmen
to say “Giobbàt”, which is something you won’t find in nature. We are going to have a new Tax with
an English name, which will not be nicer because of its English name. A couple of months ago,
after the launch of the Roman brand, I told myself I had to do something.
Communication is what I do, I know of some effective tools,
and I thought, with my colleagues, to set up a project online
to sensitise people on the matter.
It was free, we didn’t spend a cent. All it took was a little competence,
office communication and vitality. This petition, which invited public
administrations, the government, companies, media, to “Say It in Italian”,
was addressed firstly to the Academia della Crusca, asking it to become the protagonist
of this sensitising campaign. We expected a decent response,
certainly not a turn out like this. In less than a month, with their names,
surnames, address, 70.000 people signed it, It was signed by the young, the old,
polyglots and non-English speakers, deans and students, translators,
English and Italian teachers, renowned professionals
and retired people alike. Italians living abroad signed, asking:
“What are you doing to our language?” and foreigners in Italy, as well. People signed from all over the world.
From Singapore, Jerusalem, Peru, South Africa, North Africa, Canada,
Australia; it was touching. I spent hours watching the signatures
growing and reading the comments. And I’d like to read you some of them. Italian is a right, but also a duty;
We are in a ‘hot air’ overload; If we think wrong we also talk wrong.
I work in the PA. Help!; I sign because I did Classical studies,
but now I work with economists. I work in fashion. They sent me
a ‘press release’ for a ‘happening’ of ‘preview’ into ‘trends’,
I don’t think I’m gonna go. (Laughter) Excellent Italian and a decent English
are much better than a poor Italenglish. Shish! — And we know what he means.
(ironic reference to PM Renzi) This is one of the most amazing: I have a foreign name, but I speak
Italian, says Chung Wei Fu from Rome. I’m signing because I’m missing
the iridescence of our language; Because I’d never want to hear:
‘What a great ‘location’ at my funeral! (Laughter) (Applause) I’m signing For Dante, Montale, Caproni,
Pavese, Biangiardi, Gadda…; I’m sick of lecturers who can’t say
‘The book is on the table’, and yet fill their mouths with ‘company profile’.
That’s what happens. I’m signing because I don’t think
those who say ‘cool’ are cool; Because I’ve heard college professors say ‘displayato’ instead
of ”visualizzato’; I’m signing because I don’t speak English (Applause) I’m signing because I want to
understand what politicians say, since they’re asking for my vote; It was about time someone did this.
I am 85. Thanks to the promoters. We had an extraordinary,
transversal feedback, because the mass media took
this costless, online initiative, and they amplified it. And it was published on more
than 130 Italian newspaper articles, with an astounding
transversal consensus. Italian journalists Gramellini and Serra,
on La Stampa and LaRepubblica, and it was also acclaimed by Il Secolo d’Italia and L’Avvenire. Wired and Vanity Fair,
talked about it, and so did Famiglia Cristiana,
and the Touring monthly magazine. The gossip magazine Oggi
published an editorial by the editor. It was so transversal that it extended
to the whole constitutional arc, and more and it went from the most niche,
and cultural publications to the most popular ones. And it revealed a strong desire
to take back our language with pride and awareness. This went out to the newscasts –I had to
powder my face and go talk in the news– it went out on the radio,
I was interviewed by an Australian radio, and then by an Irish one. You see, this is what we need. All of this arises from our own awareness,
because language is something we build in every instance of our speaking,
thinking, writing; every single day. So my to plea to you all is,
let’s hold on to our Italian language. In conclusion, let me remind you
of a few reasons why. Italian words help you
to be easily understood by all, and that’s democracy, because
being understood is democracy. There’s no need for rules, there’s no
need for bans. We need good examples and we need to ask all institutions
to be good examples. Moreover, our language is valuable,
it’s a means to promote ourselves. We need to sell it, spend it,
take it out into the world, because it represents us. Knowing more languages
— let’s make this clear — is beautiful! Knowing more than one language,
even protects the brain, but those who do,
speak them one at a time. In Italenglish, and we saw that,
it’s easy to talk nonsense, and so, “Those who speak like they eat”,
speak better. Leonardo was quoted
in today’s first talk. Leonardo used to call himself
“Homo sanza litterae” because he wrote in Vulgar language,
that is to say, in Italian. The structure, form, and iridescence
of Italian language have always helped us to express our creativity.
If we give up expressing ourselves in our language, we give up one
of the peculiarities, the gracefulness, the magnificent potentials
of our unique Italian creativity, which takes root in its mother tongue. If our linguistic texture is strong
and solid, of course we can welcome a few foreign words; but we must do it
within a texture that is not shattered and worn out by the loss of meaning, caused by an excess
of misused foreign words. Why am I telling you this? Because the Italian language
is us, Italians, with our identity, our roots, our
history, our openness to the world which comes through our words.
Thank you. (Applause)

100 thoughts on “From Bello to biutiful: what’s going on with the Italian Language? | Annamaria Testa | TEDxMilano

  1. anche dire ad una persona che é stata "disabilitata " dal prestito in una biblioteca,
    anzichè esclusa,non é male come orrore espressivo.

  2. vivo a pochi passi dall' Appia antica;bene,
    praticamente ho dietro casa una GLADIATOR'S SCHOOL!!!!😲😲😲

  3. I remember having read about the Icelandic, they have their own words for things like jeans and helicopter. If there are words in the language that can describe something, it often seems pretenious and unnecessary to add foreign words, especially in countries where the majority do not speak that foreign language.

  4. Bella la carrellata di motti durante la quale non è stato letto o evidenziato alcun significato ma solo la lingua. Unica parte che non ho condiviso dell'intero talk comunque. Non me ne frega nulla della lingua del motto di Oxford o dei loghi delle iniziative turistiche, ma sul lavoro l'italese non lo sopporto.

  5. Buon video! Sono italo americano e cerco di mantenere la lingua italiana nella casa mia con l'aiuto di un insegnante. Non posso parlare italiano perfettamente comunque la mia bambina parlera' italiano perfettamente. Da casa, c'e' una nuova regola: Se non parla italiano non ti mangiare!

  6. È vero, io studio l'italiano perchè mi piace il suono, non è una lingua diciamo commerciale ma è bella. La imparo perchè mi sembra una lingua bella.

  7. Italiani che si mettono a creare queste stronzate linguistiche.
    Italiani che dicono "SE AVREI" e poi si mettono in bocca parole inglesi per "vendersi" meglio.
    Ma dove caspita stiamo andando?

  8. Io sono Peruano interessati all'apprendimento italiano.
    I like this video and enjoy that. But she have a reason in all the linguas is equals… some guys use in his daylife words in english "Break", "miss", etc…

  9. la cosa magnifica di tutto questo, è che la didascalia sotto un video che dice di rivalutare la lingua italiana è SOLO IN INGLESE.

  10. È giusto imparare e capire l'inglese…ma dobbiamo parlare in italiano!! Siamo italiani e dobbiamo esserne fieri! Dante, Leonardo, Galileo, etc parlavano ITALIANO, eppure tutto il mondo li conosce e li ammira!

  11. I peggiori sono i nerd gamers estremisti: in ogni cazzo di frase,anche se sono del Librino,ci ficcano a caso parole in inglese anche senza alcun motivo: "sono un player di Wow,quitto sempre quando mi killano ecc ecc" porco cane,il fastidio…..

  12. Per lavoro parlo molto. Mi sto rendendo conto ogni giorno che passa , che sempre più persone con conosce l'Italiano, non capisce ciò che dico. Tempi , verbi , punteggiatura sono "animali" rarissimi. Spesso ricevo messaggi di posta elettronica (e-mail….) , altrettanto spesso, sono incomprensibili e per decifrarli chiamo un mio collega appassionato della lingua madre. E' abbastanza triste sentir dire , per radio "de lax" al posto di "de lux" oppure citando la frase latina "Sine die" storpiata con la pronuncia all'inglese che suona "sai and dai" . Quanto poi veder scritto "ad hoc" correttamente è divenuto molto improbabile.
    Questo ha convinto me ed sopracitato collega , a stilare una lista degli "orrori" in fatto di neologismi in itanglese.
    Sto diventando un vecchio maniaco della lingua Italiana e del Latino. Romperò le scatole e diventando noioso, ma non mollerò.

  13. So sad to see and to hear a Language that lose it's Purity like that Italian language but not only that Romance Language. As we're Filipinos, Tagalog is an Austronesian Language that today we're facing a vocabulary problem which some words are slowly losing and replaced by english. So sad.

  14. Io lavoro nell'informatica, campo strapieno di termini inglesi, è nata in inglese. Ma vedo che chi usa termini inglesi (a sproposito) lo fa solo per nascondere la sua ignoranza.

  15. Ma che problema c'e', scusa?
    O purista! Io ti posso assicurare, con le credenziali di uno che sia cresciuto parlando l'italiano e l'inglese insieme, che non c'e' niente di sbaliato nella mescolanza delle lingue (neppure delle culture e delle razze non ti pare?) In primis, oso dire che tu colla tua pronuncia dovresti sapere che le lingue non devono essere parlate To a T (ti traduco – alla t, cioe' al pennello, ma secondo me To a T ti sta un po' meglio eh?) Voglio dire che la tua parlata e' bellissima perche' e' stata ispirata da altre lingue. Lo sapevi che non avresti nomi per la tazza, per l'algebra, e per le cifre senza la lingua araba?! E poi lo sapevi che la tua lingua, di cui ti vanti che sia la lingua 'piu' romantica del mondo', la puoi chiamare cosi' solo usando la parola 'romantico', che era un'innovazione INGLESE dalla parola latina originale. Qualcuno mi TL;DR per favore se questo video non e' stato solamente una mezzoretta di lamentazioni, perche' io non ne ho potuto piu' dopo il quinto minuto.

    Ecco la verita'. Gli italiani si sono sempre accontentati di ispirarsi da nuove lingue perche' fanno una cultura innovativa e aperta. Ma adesso che ci vogliono ingresso gli stranieri di altre razze, ora si' che vogliamo preservare la purezza della lingua. Ora si' che la vogliamo chiudere la nostra cultura agli altri. E' una disgrazia.

  16. Da insegnante di inglese che ama l'inglese e va predicando quanto sia utile  ed importante la conoscenza di esso, sottoscrivo in toto quanto appena ascoltato. La nostra lingua è meravigliosa e va preservata . Il paradosso poi che la sig.ra Testa ha sottolineato è davvero incredibile! In Italia l'inglese lo parlano "fluently" davvero in pochi, pochissimi! Sentire quelle pronuncie distorte e ridicole di tutte le parole inglesi utilizzate è fastidioso ed irritante! E si ostinano , e perseverano ! Questo video è di 2 anni fa' quasi tre  , ormai , e noto con dispiacere che la tendenza non è per niente cambiata , nonostante la calda accoglienza ricevuta  dalla proposta! Ripeto, adoro l'inglese e vivo di esso , ma le lingue vanno differenziate non mescolate in un guazzabuglio di suoni e parole che perdono di significato ! E' vero che tutte le lingue si evolvono e cambiano nel tempo ma stravolgere la nostra lingua completamente a favore di un'altra non è auspicabile e sano .

  17. Non avevo mai sentito una "erre" talmente moscia da, praticamente, non esistere del tutto.
    Piuttosto tremendo sentire latino e italiano con la "V" al posto della "erre". Non è una colpa, lo so.

  18. Ammiro chi vuole conservare la propria lingua da ibridi raccapriccianti come riportati in questo video.
    Io stesso cerco di usare meno parole inglesi quando parlo perché l'italiano, sì dai ammettiamolo pure, è una lingua molto bella ( Non penso di poter affermare che sia la lingua più bella al mondo perché non conosco tutte le lingue del mondo … Inoltre sostengo che ogni lingua abbia la sua bellezza, basta ad essere educati a coglierla ).
    Tuttavia bisogna essere prudenti sull'argomento "conservazione linguistica" poiché l'italiano potrebbe morire proprio perché tenuto sotto vetro. L'italiano è una lingua ricca anche per i popoli che vi hanno lasciato una propria traccia.
    La signora Annamaria Testa ha però precisato alla fine "… Se il nostro tessuto linguistico è robusto, può essere arricchito, e non lacerato …"

  19. Si esatto siamo provinciali o neofiti dell'internazionalità. Poi, in Francia e Germania ci sono delle leggi che tutelano la lingua, anche nella pubblicità'. in Francia una legge obbliga la radio a passare fino al 60% di musica in lingua. ecco, un Paese serio lo farebbe…

  20. ignoranza, sudditanza culturale, inadeguata conoscenza delle nostre radici (latine) e scarsa autostima per la nostra cultura: tutto questo sta dentro all'abbandono della Lingua Madre: ne scopriamo il valore per gli immigrati e intanto noi la trascuriamo !

  21. Purtroppo, è lo stesso con la lingua Russa contemporanea … la metà di parole è inglese. È una tragedia culturale e storica

  22. ciao, come scaricare questo video con i sottotitoli, per favore ? sto imparando italiano e bisogno di questo video per saper di più, sulla lingua italiana, grazie mille.

  23. Qualcuno può, per favore, tradurre "Cos'è questo ammiccamento di bassa lega" per mi all'inglese ovvero alla francese? Grazie mille!

  24. Standard Italian will end like the standard Serbo-Croatian. The local languages like Venetian, Friulian, Sardinian, Napolitano etc. will proclaim themselves as separate languages, while Italian will only stay as a political creation.

  25. Che rottura di scatole.
    Faccio riflettere su due cose:
    1) I nomi di cose italiane all'estero sono chiamati con nomi italiani(pasta, pizza, ecc), quindi non vedo perché non bisognerebbe usare per forza solo parole italiane. Le parole inglesi sono obbligatorie, in un discorso dove si parla di cose inglesi.
    2) Quest'attaccamento assurdo alla lingua italiana, a discapito dell'inglese, ci è valso il primeggiare tra gli ignoranti della lingua inglese, con conseguenze forse più disastrose di quel che possiate pensare. Gli italiani all'estero fanno una fatica immane con la lingua, e stiamo parlando della lingua più diffusa al mondo, nonché una delle più semplici (se non la più semplice).

    Fosse per me, se in un caso estremo si dovesse scegliere di eliminare tutte le lingue per parlare una lingua unica al mondo, sarei abbastanza sicuro su cosa scegliere. Invece di unire il mondo, facciamo di tutto per tenerlo separato.

    Va bene essere contenti di quello che si è e delle proprie origini, ma la chiusura ci fa male.

    PS Tanto l'italiano non lo scordiamo, non vi preoccupate. Anzi, lasciamo che si evolva in forme più semplici, invece che tenere mille forme verbali anche inutili. Io credo che il popolo che sbaglia i congiuntivi stia solo cercando di far evolvere un linguaggio che, diciamolo pure, è troppo pesante alcune volte.

  26. Mi sembra chiaro che il problema è politico, dal momento che si titolano le leggi italiane in inglese e che i mezzi di informazione sono i principali diffusori di questo linguaggio demenziale. Probabilmente lo scopo é lo stesso del Latinorum di manzoniana memoria.

  27. In Italia la pronuncia delle parole inglesi di solito viene inventata da non si sa quale testa parlante e la gente crede che sia quella giusta, troppa fatica studiare o chiedere a un madrelingua! Volete fare i fighi ma siete RIDICOLIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII. Imparate la lingua o lasciatela stare.

  28. Many Italians (not all, but a lot) are obsessed and infatuated with everything American. Whatever is American is considered "cool", "hip" and "current" — therefore the popularity of using English words.

  29. Living languages constantly change and are influenced by other languages. More so today because of the internet and travel. Over 70 percent of English words come from French and Latin. Spanish, Portuguese and German all have a word to say goodbye. However, today very often hear people saying "Ciao." Trying to stop the interchange is like trying to stop the tide from coming and going out! If 70 percent of us don't understand English, it's time for us to learn! In bocca al lupo!

  30. La questione, che in sé sembra paradossale, è che la più alta forma di provincialismo è l'utilizzo sconsiderato di termini inglesi in sostituzione di un vocabolario italiano enormemente risicato se non proprio inesistente.

  31. Questo è un discorso eccellente, e l'oratore fa alcuni punti eccellenti. L'italiano è una lingua meravigliosa, e non ha bisogno di parole perfettamente buone sostituite con parole di un'altra lingua. Ironia della sorte, tuttavia, il motivo per cui l'inglese è diventato una lingua così diffusa e dominante è che accetta volentieri parole di altre lingue.

  32. Io sono americano é ho quindici anni. Io ho frequento la classa italiana per due anni. Quando io imparavo la lingua italiana in scuola, io ho pensato a me, “perché usiamo italiano-inglese parole nella lingua inglese?” io ho pensato che sia perché alle persone americane piacciono le parole dell’Italia così loro l’hanno usati per parlare meglio. Ma, questo “video” (mi dispiace io non lo so nella italiana) é buonissimo!

  33. Sembra che gli italiani non sappiano che la sua lingua é molto ammirata e studiata. Non mescolare con línglese, per caritá!

  34. La globalizzazione distrugge tutte le culture nazionali. Io sono uruguayano, parlo spagnolo ma ho imparato L'italiano perque sono artista, perque l'italiano é una della nostre madrepatria in Uruguay. perque é una lingua bellisima. ci hanno insegnato che il nazionalismo è la cosa più brutta. Ora dobbiamo tutti ascoltare la stessa musica, parlare la stessa lingua e pensare allo stesso modo.

  35. Sono già bilingue, ma studio l'italiano per divertimento da quasi tre mesi. Oltre alla "Arte italiana", la lingua italiana è un'arte in sé, ecco perché volevo iniziare a studiarla in primo luogo. Non sapevo che l'Italia stava attraversando un periodo difficile con il maltrattare il loro linguaggio e questo mi ha fatto stare male. Perchè vorresti?!? Mentre ogni singolo paese al mondo ti invidia per la tua lingua, è tragicomico. Scusa per i miei errori, per favore, il mio nativo è turco.

  36. Sono anni che combatto contro l' INVASIONE LINGUISTICA inflitta alla nostra splendida lingua, amo e supporto i dialetti quasi del tutto scomparsi, stessa sorte toccherà all'italiano, non rinunciamo alla nostra cultura a favore delle parole straniere !!!

  37. essere Italiano parlarlo e vivere in Italia è un enorme vantaggio, ti fa stare bene e la vita è più leggera. ciao

  38. io sapevo che l'italiano fosse la quarta lingua più studiata al mondo a causa della chiesa…e penso di saper bene, e penso che anche l'autrice del video lo sapesse, e questa falsità mi da fastidio.

  39. Stupendo bella lezione riprendiamoci la nostra lingua è magari anche i nostri dialetti e la nostra cultura. Grazie

  40. LOL Are Italians that insecure about themselves that they have to butcher a civilized language. They should be ashamed of themselves

  41. L’ erre moscia con un po’ di buona volontà si riesce a correggere altrimenti l’italiano fa sentire male

  42. sono capitata per caso su questo sito e concordo pienamente con il video. Ancor prima che lo vedessi mi chiedevo se ero la sola a difendere la nostra bella lingua e odio sentire persone con poca istruzione usare parole inglesi come i pappagalli quando ci sono molte bellissime espressioni. Ad esempio dico sempre agli amici cosa fate questo fine settimana? non dico mai week end

  43. I visited Italia 4 times
    GUYS, Your language is the most beautiful language In the world,
    You Must know that and be proud.
    Your language is a treasure so take care about it.
    I am Syrian so I am an Arabic speaker and I know English,
    The English is very weak language and very poor grammar.
    So do not let English distort your Italian language be strong AND PROUD.
    people paying money just to talk like how you talk.
    I am more than month searching for a professional college to go to Italia and learn Italian language.
    America they want to kill our languages and cultures because they have nothing.

    Lasciatemi cantare..
    Con la chitarra in mano..
    Lasiatemi cantare..
    Sono l'italiano❤

  44. Tutto assolutamente condivisibile ma, eviti di usare il verbo "spiaccicare" riferito a una parola o ad una lingua: il verbo , nel linguaggio popolare, è "spiccicare" da spicare che significa staccare (infatti il contrario è "appiccicare").

  45. Sono araba e amo la lingua italiana. La parlo per il piacere e per essere vicina alla gente italiana e alla cultural che adoro di più.. afascienante, romantica, piena di emozioni. Ma è la stessa cosa per noi qui a dubai. Siamo una nazione Araba ma nessuno parla arabo dei stranieri qui. L’inglese è la lingua più importante!

  46. l'Italiano fa schifo, è un orribile surrogato del bellissimo dialetto fiorentino (dialetto della lingua Toscana). Dobbiamo pensare prima a conservare le lingue regionali, aggredite sia dall'italiano che dall'inglese.

    PS: mi fa un po' schifo scrivere qui in italiano, ma l'alfabeto latino non si presta ottimamente alla scrittura del Mugellano

  47. Antonino Bulla oggi 22/5/2019 telefonino 3271673250 Se qualcuno può aiutarmi ringrazio buona serata

  48. Il motivo per cui in italia si usano parole inglesi e in usa parole italiane è perchè fa figo (soprattutto nel marketing) utilizzare termini di un'altra lingua, che bene o male sono un'eccezione, e perciò attirano l'attenzione. In particolare, usare l'italiano all'estero nel settore ristorazione, ammica l'occhio al consumatore dandogli l'impressione di un gusto italiano genuino, cosa che nn avrebbero chiamando il locale Wine e non vino.

  49. QUESTA SIGNORA PARLA DI PAROLE STORPIATE, E LEI NON SA NEANCHE PRONUNCIARE CORRETTAMENTE L'ITALIANO, LA "R" IN ITALIANO NON HA ANCORA IMPARATO A PRONUNCIARLA. VOLERE E` POTERE. FACCIA UNA SFORZO SIGNORA. POI MAGARI TORNI A DARE LEZIONE.

  50. Da italiano che vive ad Oxford, non mi stanco mai di vedere questo video ed ascoltare questa grandissima donna di cultura e intelligenza .

  51. So che non c'entra niente e passerò per un allupato del cazzo, ma quanto è intelligentemente bona Annamaria. E poi la r moscia, la r arriccia Tamales

  52. Nosotros tenemos lo stesso problema in Espagna. Debemos unirnos e deffensare le nostre lingue romanicas.

  53. Il problema nasce dai giornali, persino i nostri quotidiani ogni giorno si slanciano con termini "cool" che fanno piu' effetto e si sentono piu' moderni. La lingua va preservata ad ogni costo.

  54. My Italian sucks but I'm learning it. Italian is a precious language that every european should learn. Italia and Italian play a strong part in our identity and history.

  55. Le lingue appartengono a chi parla, non viceversa. Video inutile e basato su principi – neanche troppo mascherati – di sciovinismo spicciolo che e' davvero il marchio di fabbrica di questo " provincialismo " che la signora Testa denuncia. Se non riesce a capire che dire very bello, nel contesto in cui e' usato, funziona molto meglio di molto bello o very beautiful o ci e, o ci fa. penso la seconda e questo e ancora piu fastidioso.

  56. Intervento strappa applausi da una pubblicista professionista!!!
    L’italiano è la lingua che ha accolto di più le parole germaniche di tutte le lingue neolatine ed una delle lingue più accoglienti verso le parole straniere!!! Poi da che pulpito quante volte lei per lavoro ha usato inglese e lingue straniere?????

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *